Deprecated: Function ereg_replace() is deprecated in /home/.sites/90/site11/web/libs/func_kda.inc.php on line 168 Recensione di Smetto quando voglio - Sydney Sibilia - W2M
W2M - Home Page
W2N Welcome to the News
W2N Welcome to the News INHUMANE RESOURCES di Michele Pastrello
W2N Welcome to the News Maria Grazia Cucinotta e Graziano Debellini per la rinascita di L'Aquila
W2N Welcome to the News ULTRACORPO, il nuovo corto di Michele Pastrello
W2M Newsletter
W2M Newsletter
Iscriviti

W4M Written for the Movies
Quante volte ti è capitato di leggere un libro e augurarti che ne venisse fatto subito un film?
W4M trasforma il tuo libro in un film!
Breaking News
Breaking News
Autore:
Frank Schatzing
Anno:
2014
Archivio W4M's
Segnala il tuo W4M

M4M Music for the Movies
Kill Bill Vol. 1
Kill Bill Vol. 1
Archivio M4M's
Segnala il tuo M4M

W2M Trivia
Lo so, dovrei lavorare invece di cercare dei fessi da imbrogliare, ma non posso, perché nella vita ci sono più fessi che datori di lavoro
INDOVINA IL FILM INFO



 
 
AT HOME | Scheda Film


Smetto quando voglioSmetto quando voglio
di Sydney Sibilia (2014)

Esordio positivo dietro la macchina da presa di Sibilia con una commedia agrodolce che pone in risalto un problema molto attuale: la precarietà dei giovani ricercatori italiani (e dei giovani in senso lato…).

Pietro Zinni è un ricercatore con un quoziente intellettivo molto elevato a cui, però, non corrisponde un altrettanto importante impiego e un’adeguata paga. La sua dimostrazione per un nuovo progetto cade nel vuoto e, la conseguenza, è la perdita del pur precario lavoro. Zinni non è l’unico che non riesce a fare ciò per cui ha studiato; diversi suoi ex compagni di studi lavorano come lavapiatti, giocatore d’azzardo, benzinaio, pur avendo fior di titoli e capacità per altre attività. Sibilia mette in evidenza anche il cambiamento della nostra società; infatti, i proprietari delle aziende per le quali prestano la loro opera gli ex ricercatori sono cinesi, rumeni, extracomunitari…

Ma è proprio vero che non possano trovare altro? Zinni scopre la risposta nel corso di una casuale serata in discoteca: creare una nuova droga; una bomba, ma assolutamente legale. 

E così, insieme con gli amici scienziati, realizza una pillolina micidiale. Il successo è immediato e tanto interessante da attirare l’attenzione della malavita organizzata, con tutti i problemi che si possono immaginare. Facile arrivare al successo, ma gestirlo e, soprattutto, non rimanerne scottati non lo è altrettanto.

Bravi gli attori, tra gli altri Edoardo Leo, Valeria Solarino, Valerio Aprea, Paolo Calabresi, Libero De Rienzo, buona la sceneggiatura e la regia. Una commedia che strappa diverse risate, ma che fa anche pensare ai difetti dell’attuale società italiana.

GIUDIZIO: WW