Deprecated: Function ereg_replace() is deprecated in /home/.sites/90/site11/web/libs/func_kda.inc.php on line 168 Recensione di After Earth - M. Night Shyamalan - W2M
W2M - Home Page
W2N Welcome to the News
W2N Welcome to the News INHUMANE RESOURCES di Michele Pastrello
W2N Welcome to the News Maria Grazia Cucinotta e Graziano Debellini per la rinascita di L'Aquila
W2N Welcome to the News ULTRACORPO, il nuovo corto di Michele Pastrello
W2M Newsletter
W2M Newsletter
Iscriviti

W4M Written for the Movies
Quante volte ti è capitato di leggere un libro e augurarti che ne venisse fatto subito un film?
W4M trasforma il tuo libro in un film!
Breaking News
Breaking News
Autore:
Frank Schatzing
Anno:
2014
Archivio W4M's
Segnala il tuo W4M

M4M Music for the Movies
Kill Bill Vol. 1
Kill Bill Vol. 1
Archivio M4M's
Segnala il tuo M4M

W2M Trivia
Biondo con gli occhi verdi???...Un semaforo!
INDOVINA IL FILM INFO



 
 
IN SALA | Scheda Film


After EarthAfter Earth
di M. Night Shyamalan (2013)

Il regista de “Il sesto senso” e di “E venne il giorno” torna in sala con un’opera che nasce da un’idea di Will Smith e da un progetto condiviso. Tutti e due – Shyamalan e Smith – sono appassionati di fantascienza e sensibili ai temi ambientali. Per Shyamalan, questo film rappresenta anche la voglia di riscattare i suoi lungometraggi più recenti (su tutti “L’ultimo dominatore dell’aria”) che non sono stati accolti con entusiasmo né dalla critica, né dal pubblico. Will Smith ha creduto talmente tanto in questo progetto da coinvolgere il figlio Jaden, dopo la prima esperienza risalente a sette anni fa con “La ricerca della felicità” di Gabriele Muccino. E’ un film di fantascienza perché è ambientato in un lontano futuro, su Nova Prime, un pianeta in cui l’umanità si è trasferita dopo aver portato la Terra al collasso ambientale. Ma è anche la storia del rapporto padre-figlio e di crescita del ragazzo che fa di tutto per essere all’altezza della fama del genitore. Will Smith è Cypher Raige, il leggendario generale capo dei ranger, la struttura militare a cui è affidata la salvezza degli uomini dai terribili Ursa, una razza di micidiali animali cacciatori indigeni di Nova Prime. Raige è leggendario per il suo valore, ma anche perché sa rendersi invisibile agli Ursa che sono attratti dalla paura umana. Il figlio Kitai, invece, non riesce a diventare un cadetto e, per cercare di recuperare il loro rapporto, il padre lo porta con sé in un viaggio – sulla carta di routine – a un mondo in cui si addestrano i ranger. Con loro, sull’astronave, c’è un Ursa catturato, pronto per essere utilizzato in addestramento. Purtroppo, l’imprevisto è in agguato in una tempesta di asteroidi che fa precipitare l’astronave proprio sulla Terra. Kitai è il solo illeso, quindi l’unica speranza per Raige gravemente ferito. Il ragazzo deve vincere le sue paure e recuperare dalla coda dell’astronave, caduta a 100 km di distanza da loro, il segnalatore di emergenza. Un’occasione per dimostrare al padre di essere degno della sua fiducia e della sua stima, vincendo l’ambiente ostile e l’attacco dell’Ursa sopravvissuto all’impatto. After Earth è un prodotto discreto, con ottimi effetti speciali. Il regista, per questo film, si è convertito al digitale e ha utilizzato, per la “sua” prima volta, l’avanzatissima cinepresa Sony F65 CineAlta 4K. Le qualità del lungometraggio sono anche i buoni sentimenti, la volontà di trasmettere messaggi positivi: attenzione all’ambiente, crescita, importanza della famiglia. Ed è corto! Tuttavia, la storia è piuttosto scontata e prevedibile, c’è poca azione – in alcuni punti, infatti, è noiosetto – e non è, comunque, all’altezza delle prime opere del regista.

GIUDIZIO: W 1/2